Il violinista

E’ successo ieri: ho visto il violinista e gli ho dato due spiccioli.

E’ un grande, lui, suona in maniera furiosa, allegra, suona a dirotto, suona come un bambino, suona in modo stonato, suona in modo folle, suona in modo che mi dà energia quando l’ho sentito suonare al Duomo, e lo vedevo spesso da quelle parti, e gli dicevo io grazie. Mi mostrava il coraggio, la forza, la semplicità.

Eccolo lì, con le sue rughette da 60-70 non so dire quanto, cmq me lo sono trovato nell’autobus e dopo un pò a furia di guardarlo l’ho riconosciuto. Comunque ho pianto, come quei vasi che traboccano, senza tanti versi, ecco che con l’espressione fissa seria mi sono messa a piangere.

Perchè hanno cambiato la disposizione dei mobili, hanno cambiato tutto quello che avevo cambiato io è stato rimesso al suo posto, come se io non fossi mai esistita, come se non ci fosse possibilità di replica, come se io non contassi nulla nell’universo. E l’universo per me era quella casa, era quello in mio mondo, a un certo punto. Punto di riferimento era diventata la casina.

Vabbè. Scesa dall’autobus l’ho fermato e gli ho dato degli euro perchè secondo me porta fortuna fare circolare il denaro, e donare alle persone, specie se sono preziose come i musicisti e chi con la sua arte ci dà qualcosa di entusiasmante. Bene. Lui mi ha chiesto in un italiano stentato: perchè piangi?

Ho risposto :devo cambiare casa! Sai? Casa.. Casa , tetto, cambiare, trasferire, (e ho fatto dei gesti ma era difficile )

Lui non ha capito, non parla italiano. Mi chiede in una strana lingua: sei italiana? tu familia qui? tu parens qui? tu sorell ? tu fratell? 

Sì, ho risposto. Sono italiana, mia sorella è qui, miei genitori qui.

Lui voleva chiedere secondo me: e allora?? che problema c’è?

Se ne è andato sconsolato perchè non capiva il verbo “traslocare”, ma secondo me sapeva benissimo cosa voleva dire. Aveva con se la valigia e il violino. Ma un aria perbene, tranquilla.

comunque l’aria di uno che non si è dato per vinto, ma addolorato per non avermi capito bene cosa volevo dire. Comunque riflettendo. Ho la famiglia, qui, non sono per dire in Cina da sola contro il mondo, non sono così. Ho la sorella, ho la mamma, ho quello che necessario per vivere. Eppure il fatto della casa non è del tutto tranquillo, ci sono cose che mi fanno ancora piangere come una vite tagliata.

Vabbè comunque, si sistemerà tutto, volendo. Vediamo un pò.

________________________________________

se piangessi davanti a un cieco, mi direbbe: tu ci vedi? risponderei sì. E allora perchè piangi? direbbe lui!

se piangessi davanti a una ragazza senza gambe, mi chiederebbe: tu puoi camminare? sì risponderei. E allora perchè piangi!

se piangessi con una indiana che ha un matrimonio combinato, mi chiederebbe: tu puoi sceglierti chi sposare? sì  posso anche scegliere di non farlo. E lei commenterebbe: beata te!!! e allora perchè piangi?

se piangessi con una qualunque mamma, mi direbbe: hai tempo libero per te, giusto? sì. e allora perchè piangi!

se piangessi con un uomo di affari, mi direbbe: hai mai perso dieci milioni di euro mandando in bancarotta la tua azienda migliore? No, risponderei. E allora perchè piangi?

se piangessi con una psicologa, mi direbbe: a te buttano addosso tutti i problemi del mondo? Sì a volte ma non sono obbligata a mettermici in mezzo per aiutarli, risponderei, al che lei commenterebbe stizzita: e allora perchè piangi?

 

E così via…………. a ognuno….. a ognuno i propri problemi sembrano enormi e i più grossi, eppure è anche vero che… dopotutto tutto si può sempre vedere in mille prospettive diverse.

 

Ho parlato a lungo con la sorella oggi. Vorrei proprio averla scoperta prima, questa ragazza di 31 anni che è fatta a modo suo. Vorrei essere stata amica anche prima, non solo ora, ma meglio tardi che mai. E’ ingenua, su certe cose. Su altre sono ingenua io. A volte sembriamo due gemelline ma opposte. Ti voglio bene piccola Eli.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...